Scuola dell’Infanzia e Nido Integrato ARCOBALENO

Piazza Ederle, 21 – 37023 Grezzana (VR) tel/fax 045907112

e-mail: materna.arcobaleno@libero.it

Il Nido Integrato è un servizio educativo le cui caratteristiche sono stabilite dalla legge regionale n. 22 del 16/08/2002 e dal DGR n. 84 del 16/01/2007: presso le istituzioni abbiamo ottenuto l’accreditamento, che rinnoviamo ogni 3 anni. Il nido integrato è un servizio diurno, strutturato in modo simile all’asilo nido. La sua caratteristica è di collocarsi all’interno della scuola dell’Infanzia: esso è in stretto collegamento integrativo con le sue attività, secondo un progetto concordato. Il Nido Integrato si propone di soddisfare i bisogni affettivi, cognitivi e sociali delle bambine e dei bambini tra 1 e 3 anni, per lo sviluppo armonico della loro persona, in un ambiente ricco di vita e di relazioni. Propone un rapporto di collaborazione e fiducia con la famiglia, per la costruzione di una reale “ALLEANZA EDUCATIVA” nel rapporto con il bambino.

…………VADO AL NIDO

Un Nido a misura di bambino

Il Nido è un luogo di cure, accoglienza, di gioco e di pensiero.

Al Nido i piccolissimi compiono la loro prima esperienza al di fuori dell’ambiente familiare. I bambini e le bambine al Nido condividono una parte delicata e fondamentale della loro esistenza. E’ un luogo del vivere quotidiano, pensato per crescere e stare bene insieme, dove si possono sperimentare giochi, affetti e apprendimenti, nel rispetto dei diritti e dei bisogni di ciascuno.

L’inserimento

L’asilo nido rappresenta la prima struttura educativa con la quale la famiglia e il bambino, entrano in contatto e nella quale conoscono persone nuove, con cui relazionarsi.

L’inserimento, pertanto, è un momento molto delicato e importante nella vita di un bambino e dei suoi genitori. Perché il bambino possa compiere questo passo in modo sicuro, nei primi momenti di frequenza è fondamentale che la presenza del genitore sia rassicurante e di mediazione rispetto al nuovo ambiente. E’ consuetudine prevedere l’inserimento dei bambini in modo scaglionato e in piccoli gruppi, per favorire e creare un clima di accoglienza disteso e tranquillo e per una maggiore condivisione dell’esperienza con le famiglie e il bambino. Successivamente il genitore si allontana dalla sezione per periodi sempre più lunghi, fino al momento in cui il bambino è pronto a sostenere la frequenza in modo autonomo. Il distacco dal genitore e i modi di realizzarlo, saranno concordati con il gruppo educativo.

La giornata al Nido

E’ scandita da vari momenti: dalle 7.40 alle 9.00 è prevista l’accoglienza dei bambini e dei loro genitori; è questo un momento di “delicato passaggio”, in cui rituali e strategie aiutano a superare le insicurezze iniziali. Successivamente i bambini, organizzati in piccoli gruppi, articolano la loro attività in momenti di gioco. In ogni sezione, alle 11, i bambini condividono il pranzo, a cui segue, ciascuno nel proprio lettino, il riposo pomeridiano, la merenda intorno alle 15 e il gioco fino al ricongiungimento, che avviene dalle 15.45 alle 16.00. Le educatrici sostengono e agevolano le attività dei vari momenti, svolgendo un ruolo di osservatore, sostegno e stimolo.

Come funziona il Nido

L’asilo Nido Integrato è aperto dai primi giorni di settembre al 30 giugno; funziona dal lunedì al venerdì, con orario dalle 7.40 alle 16.00; è possibile, su richiesta e a pagamento, un servizio di prolungamento orario fino alle 17. Se si raggiunge il numero minimo previsto, il servizio sarà aperto anche nel mese di luglio (a luglio 2019 è stato attivato questo servizio per la prima volta).

L’organizzazione del Nido

Il Nido è composto di due sezioni, che accolgono bambini di età tra il 12 ed i 36 mesi. Ciascuna sezione prevede spazi adeguatamente pensati e strutturati per giocare, apprendere, mangiare, dormire e curare l’igiene personale.

Ciascuna delle sezioni è affidata ad una educatrice, che accompagnerà il proprio gruppo nei due anni di permanenza al nido. Inoltre è prevista la figura di un’educatrice di supporto, che completa l’orario e collabora nelle scelte educative e metodologiche del Nido.

Figure professionali

Le educatrici sono le figure primarie con le quali, all’interno del Nido, si rapportano i bambini e le loro famiglie. Hanno il compito di progettare e realizzare le attività con i bambini e gestiscono l’organizzazione degli spazi e dei tempi della giornata, in base alle esigenze del gruppo di bambini di cui si prendono cura.

Promuovono colloqui individuali con i genitori e incontri di gruppo, per discutere temi specifici relativi allo sviluppo e all’educazione dei bambini.

La formazione del personale

La formazione del personale, l’organizzazione del lavoro e la professionalità sono aspetti del servizio pensati per il benessere dei bambini al Nido.

La formazione e l’aggiornamento permanente, contestuale allo svolgimento del lavoro con i bambini, ha il compito di affiancare la progettazione al Nido e di accompagnare la riflessione delle educatrici.

Le educatrici sono coinvolte in percorsi formativi che, rivisitando gli elementi di base e le metodologie di lavoro, hanno l’obbiettivo di potenziare l’identità educativa e di sostenere la qualità.

Le famiglie

L’incontro con i genitori del bambino entra a pieno titolo nelle attività educative del Nido e riveste un’importanza significativa per una buona relazione Nido- Famiglia.

L’inserimento e l’ambientamento del bambino è sempre preceduto da incontri individuali con ogni singola famiglia e accompagnato da forme assembleari di scambio con il gruppo educativo e le altre famiglie.

  • Il colloquio individuale. E’ un momento fondamentale di conoscenza reciproca e pone le basi per un rapporto di collaborazione e fiducia e per la costruzione di una reale “ALLEANZA EDUCATIVA” nel rapporto con il bambino (un colloquio prima dell’inserimento, uno a fine inserimento e uno a fine anno educativo)
  • Gli incontri di sezione. Si svolgono in forma periodica con le educatrici. E’ uno spazio di riflessione, dove vengono affrontati e condivisi argomenti relativi al progetto educativo della specifica fascia di età, con lo scopo di confrontarsi intorno ai diversi progetti educativi della famiglia e del Nido.

Il gioco

La finalità principale del gioco è legata fondamentalmente al piacere che produce. Il gioco è un’attività importante per il bambino, perché favorisce l’autonomia, l’esplorazione e il piacere di stare con gli altri.

Nel gioco, che varia di intensità e di durata secondo le età, gli aspetti cognitivi ed affettivi sono strettamente intrecciati. Il Nido, offrendo spazi opportunamente predisposti, con angoli dotati di materiale specifico per le diverse attività di gioco, favorisce rapporti significativi tra i bambini e con le educatrici.

Il pasto

Il pasto al Nido rappresenta un’opportunità educativa di grande valore comunicativo, perché facilita gli scambi tra i bambini e lo sviluppo di un adeguato rapporto con il cibo. I pasti principali nel corso della giornata sono: merenda a base di frutta di stagione (h 9 circa); pranzo (h 11); merenda (h 15)

Il menù è stato approvato dall’organo competente dell’ULSS di Verona, per garantire i bisogni nutrizionali dei bambini di questa età.

Il cibo fresco viene preparato all’interno della cucina della scuola dell’Infanzia, da apposito personale che, oltre all’aspetto nutrizionale, cura l’appetibilità e la gradevolezza delle portate.

Menù differenziati per i bambini con particolari esigenze nutrizionali (allergie e intolleranze), saranno effettuati dietro presentazione di certificato medico. Inoltre, su richiesta dei genitori, saranno preparati pasti che rispettino l’appartenenza alle diverse fedi religiose.

Il sonno

Rappresenta un punto fondamentale nella relazione e assimilazione delle esperienze. Inoltre, carico di valenze affettive e intime profonde, consente di stabilire un ulteriore rapporto di fiducia e sicurezza con l’adulto. Il rispetto delle abitudini, un clima accogliente e rassicurante, la presenza dell’educatrice nella stanza del sonno, rappresentano per i bambini condizioni fondamentali per sentirsi riconosciuti e accolti nei loro bisogni.

Com’è gestita la presenza delle 3 educatrici e del personale ausiliario?

Orario di Educatrice titolare Educatrice titolare Educatrice supporto ausiliaria
lunedì 8.00/16.00 8.00/16.00 7.30/12.30 14.00/18.00
martedì 8.00/16.00 7.30/12.45 9.15/16.00 14.00/18.00
mercoledì 7.30/12.45 8.00/16.00 9.15/16.00 14.00/18.00
giovedì 8.00/16.00 7.30/12.45 9.15/16.00 14.00/18.00
venerdì 7.30/12.45 8.00/16.00 9.15/16.00 14.00/18.00

Gli orari potranno subire variazioni interne in corso d’anno, a seconda delle esigenze del nido.

Corredo nido integrato

  1. certificato di frequenza (scheda ULSS firmata dal medico)
  2. 2 lenzuola di sotto, 2 di sopra e, se si desidera, un cuscino con 2 federe, con nome
  3. ciuccio, portaciuccio e biberon (se sono necessari)
  4. 3 bavaglie alla settimana, grandi e con l’elastico, con nome
  5. 3 paia di calzini antiscivolo per stare al nido, con nome
  6. cambio completo di stagione
  7. scatolina personale con una foto incollata e, all’interno, i “tesori”  del bambino (giochino, foto della famiglia…..)
  8. 1 sacchettino per lenzuola e bavaglia, tutto con nome
  9. 2 foto formato normale (un bel primo piano da solo!) e 5 foto tessera
  10. grembiulino plastificato per giocare con l’acqua
  11. 1 quadernone ad anelli con 30 buste trasparenti, per documentare il primo libro del bambino…
  12. 1 copertina di pile leggero di misure 110 per 85 cm
  13. 1 piccola torcia

REGOLAMENTO del Nido Integrato

Il Nido Integrato, come la Scuola d’Infanzia, ha un suo regolamento che il genitore accetta e rispetta, nel momento in cui iscrive il suo bambino.

  1. Orari di entrata: ore 7.40/9.00
  2. Orari di uscita: ore 15.45/16.00
  1. Si raccomanda vivamente di rispettare la puntualità negli orari per evitare di ostacolare il normale svolgersi delle attività sia nell’entrata che nell’uscita. È vietato fermarsi oltre le ore 16.00
  2. Al momento dell’entrata il bambino deve essere consegnato direttamente all’educatrice. Dopo l’inserimento l’affido ed il ritiro dei bambini devono essere fatti in modo sollecito, al fine di rispettare gli altri bambini.
  3. Per l’igiene dell’ambiente e per la tutela della salute dei bambini, per accedere al Nido è obbligatorio: per i bambini indossare le calze antiscivolo, per gli adulti l’uso delle sovrascarpe.
  4. Al momento del ritiro del bambino, l’educatrice va sempre avvisata.
  5. Si ricorda che le educatrici possono consegnare il bambino solo a persone maggiorenni (avvisare quando il bambino viene ritirato da una persona diversa dai genitori).
  6. E’ prevista la possibilità di ritirare i bambini a metà giornata, avvisando le educatrici, alle ore 12.00.
  7. Per le vacanze il nido segue il medesimo calendario della scuola d’Infanzia e rimane chiusa il sabato.
  8. Le educatrici sono disponibili per incontri con i genitori in orari e giorni da stabilire.
  9. La coordinatrice della Scuola dell’Infanzia è anche la responsabile del Nido
  10. La segreteria della scuola, al piano terra, è aperta al mattino, dalle 8.15 alle 12.15
  11. I giochi del giardino non sono utilizzabili al di fuori dell’orario scolastico e/o senza la presenza delle educatrici
  12. Le educatrici non possono somministrare nessun tipo di farmaco (esclusi i “salvavita”, se richiesto per iscritto dai genitori e con certificazione medica) 
  13. Il Nido propone un inserimento scalare, graduale nei tempi (orari, giorni), nelle modalità di approccio agli spazi ed alle attività.
  14. I genitori sono pregati di avvertire le educatrici o la segreteria in caso di assenza o di malattie infettive
  15. Dopo 6 giorni di assenza per motivi di salute (compresi sabato e domenica), è necessario il certificato medico per la riammissione al Nido, che va consegnato all’educatrice il giorno del rientro. Per altri motivi, viene richiesta una giustificazione scritta da parte dei genitori.
  16. Per quanto riguarda modalità di iscrizione, rette e gestione amministrativa, si fa riferimento alle “Norme amministrative di iscrizione e frequenza”, suddivise in due parti, che seguono e fanno parte integrante del Regolamento.

Norme amministrative di accesso e frequenza

A – ACCESSO

Art. 1- Accesso.

Hanno titolo di iscrizione al Nido Integrato i bambini di età non inferiore ad un anno e non superioreai tre anni, ossia i bambini nati entro il 31 dicembre dell’anno antecedente all’anno educativo per cui si chiede l’iscrizione e che non abbiano compiuto i tre anni alla data del 31 dicembre dell’anno educativo per il quale viene presentata domanda di ammissione.

I bambini devono essere residenti nel Comune di Grezzana. Per bambini non residenti si stilerà un’apposita lista di riserva, alla quale si attingerà nel caso si esaurisca la graduatoria dei residenti.

Art. 2- Iscrizione.

Le domande di iscrizione devono essere presentate dal 10 al 31 gennaio. Dopo tale data potranno essere presentate domande di iscrizione, in presenza dei requisiti sopra richiesti: tali domande verranno esaminate dal Comitato di Gestione, in base alla disponibilità di posti. In caso di posti liberi, verrà data priorità ai bambini i cui genitori lavorano nel comune di Grezzana.

Art. 3- Priorità.

Hanno priorità:

  1. i bambini e le bambine per i quali esiste un obbligo giuridico di inserimento.
  2. i casi segnalati dai servizi sociali comunali.

Art. 4 –Criteri di graduatoria.

Le domande vengono inserite in graduatoria sulla base della documentazione presentata all’atto della richiesta di iscrizione.

I criteri ed i relativi punteggi sono i seguenti:

bambino residente nel comune di Grezzana                                                                      punti 15

bambino avente fratello/sorella contemporaneamente frequentanti                                            punti 15

genitori entrambi che lavorano                                                                        punti 12

in caso di parità, si guarderà la data di presentazione della domanda

Art.6 – Iscrizione al secondo anno di frequenza.

Verrà data la precedenza ai bambini che hanno frequentato il primo anno di Nido presso la nostra Scuola.

Art.7 – Formazione delle liste.

La graduatoria dei bambini ammessi al Nido Integrato viene esposta entro il 10 febbraio; la quota di iscrizione deve essere versata entro e non oltre l’ultimo giorno del mese di febbraio: in caso contrario verrà ammesso il bambino o la bambina occupanti la posizione successiva in graduatoria.

Art.8 – Rinuncia e conservazione del posto.

La famiglia che intendesse rinunciare al posto nel corso dell’anno educativo, potrà farlo liberamente presentando una dichiarazione scritta di rinuncia, purché ciò avvenga entro un mese dall’inizio della frequenza. Successivamente a tale data, l’eventuale ritiro del bambino- fatti salvi i casi di comprovati gravi motivi – comporta comunque l’obbligo di corrispondere la retta mensile fino alla fine dell’anno scolastico. In ogni caso la rinuncia all’ammissione al Nido comporta la cancellazione dalle relative graduatorie.

Art.9 – Dimissioni/espulsioni

1. Si dispongono le dimissioni dei bambini per:

  1. la mancata presentazione del bambino entro cinque giorni dalla data stabilita per l’inserimento, salvo giustificato e comprovato motivo;
  2. l’assenza non giustificata del bambino protratta per oltre quindici giorni consecutivi, compresi i festivi;
  3. la mancata osservanza delle norme regolamentari;
  4. il mancato versamento della retta per due mensilità, anche non consecutive:

Art.10- Termini.

Tutti i termini previsti a carico del richiedente sono perentori.

B – QUOTA DI ISCRIZIONE, DEPOSITO CAUZIONALE E RETTA MENSILE

Ai sensi dell’art. 9 della L.R. 32/90, si determina che le rette debbano essere differenziate, con riguardo alle condizioni socio-economiche delle famiglie; quindi i parametri di calcolo della retta vengono fissati di anno in anno dal Comitato di gestione (da ora in poi C. di g.) conforme il reddito del nucleo familiare.

Il reddito di riferimento è quello lordo fiscale dell’intero nucleo familiare (stato famiglia) desunto dal MOD 730, MOD UNICO E MOD CUD relativi all’ultima dichiarazione dei redditi.

Il reddito di riferimento della madre sarà desunto dal primo foglio paga reale percepito al momento dell’inserimento per reddito da lavoro dipendente e il modello fiscale per eventuali altri redditi.

Nei casi particolari di un solo genitore lavoratore, l’inserimento e la determinazione della retta sarà valutato dal C. di g. e il reddito di riferimento è quello desunto dal modello fiscale e dalla prima busta paga percepita al momento dell’inserimento.

Eventuali modifiche della posizione lavorativa o situazioni particolari sopraggiunte della famiglia dopo l’inserimento, saranno valutata dal C. di g. ai fini della determinazione della retta.

Al momento dell’iscrizione dei bambini del primo anno e dell’inserimento al Nido per i bambini del secondo anno, verrà chiesta una quota cauzionale infruttifera fissata di anno in anno dal C. di g., che sarà conguagliata nell’ultimo mese dell’anno scolastico.

Tale quota sarà trattenuta al 50% in caso del ritiro del bambino prima o durante l’inserimento, oppure trattenuta al 100% dopo l’avvenuto inserimento. La quota cauzionale verrà restituita se al bambino ritirato succede un nuovo inserimento.

La retta deve essere versata entro il 5 del mese a cui si riferisce, tramite bonifico bancario, su conto corrente intestato alla Scuola.

Al fine di non compromettere la regolare attività della sezione, l’iscrizione comporta l’impegno di frequenza per tutto l’anno scolastico. E’ prevista una riduzione pari al 50% della retta mensile in caso di assenza per malattia per l’intero mese e una del 25% della retta per assenze superiori a 11 giorni consecutivi scolastici nel mese; per settembre (periodo ridotto) per assenze superiori a 8 giorni consecutivi scolastici nel mese.

Per la riduzione della retta, gli 11 giorni consecutivi di assenza da prendere in considerazione, si intendono comprensivi anche di tutti i giorni festivi infrasettimanali ad esclusione del sabato e della domenica.

Non sono considerati giorni di assenza, al fine della riduzione della retta, i periodi di vacanza indicati sul calendario scolastico annuale.

La scuola si riserva la facoltà di non conservare il posto al bambino iscritto e frequentante per il quale i genitori non versino la retta stabilita.

La retta del mese di inserimento sarà calcolata dal giorno di inizio frequenza (quota mensile diviso numero di giorni di apertura nel mese e moltiplicato per il numero di giorni di frequenza).

CALCOLO RETTE 2019/2020

FASCE TIPOLOGIA DI REDDITO  
     
1 REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE INFERIORE A € 23.500,00             € 340,00
2 REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE DA € 23.500,01 A € 34.000,00                                                                              €. 340,00 + il 1,190% della parte eccedente €. 23.500,00
3 REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE DA € 34.000,01 A € 42.000,00                                                                               €. 465,00 + il 0,187% della parte eccedente €. 34.000,00
4 REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE DA € 42.000,01 A € 48.000,00                                                                                                                €. 480,00 + il 0,167% della parte eccedente €. 42.000,00
5 REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE SUPERIORE A € 48.000,01                                                                                                                € 490,00
     
6 REDDITO DA LAVORO AUTONOMO O MISTO FINO A € 21.000,00                                                                                                               €. 340,00
7 REDDITO DA LAVORO AUTONOMO O MISTO DA € 21.000,01 A € 32.000,00                                                                            €. 340,00 + il 1,136% della parte eccedente €. 21.000,00
8 REDDITO DA LAVORO AUTONOMO O MISTO DA € 32.000,01 A € 37.000,00                                                                             €. 465,00 + il 0,300% della parte eccedente €. 32.000,00
9 REDDITO DA LAVORO AUTONOMO O MISTO DA € 37.000,01 A € 43.500,00                                                                             €. 480,00 + il 0,154% della parte eccedente €. 37.000,00
10 REDDITO DA LAVORO AUTONOMO O MISTO SUPERIORE A € 43.500,01                                                                                €. 490,00
    DEPOSITO CAUZIONALE € 250,00
    QUOTA ISCRIZIONE € 100,00                                                                                                   

Per i non residenti nel Comune di Grezzana, le predette rette vengono aumentate del 2%

Approvata dal Comitato di gestione in data 19 novembre  2018