REGOLAMENTO INTERNO

della Scuola dell’Infanzia parrocchiale e paritaria ARCOBALENO

Il regolamento interno è l’insieme delle norme che regolano la vita della scuola.

Art. 1 – FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA

a)    La scuola è gestita, attraverso il Comitato di gestione, dall’ “Associazione per la gestione della scuola dell’Infanzia e Nido integrato”, alla quale appartengono i genitori/tutori di tutti i bambini iscritti.

b)    Alla scuola dell’infanzia possono iscriversi i bambini   compresi nella fascia di età da 3 a 5 anni; i bambini “anticipatari” (che compiono tre anni tra l’1 gennaio ed il 30 aprile dell’anno successivo), che faranno domanda di iscrizione, saranno accettati con riserva e, se le condizioni della scuola permetteranno un adeguato inserimento ed una serena frequenza, la decisione, presa dalla Coordinatrice e dal Comitato, sarà comunicata agli interessati entro la fine di febbraio.

c)    La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno, dal lunedì al venerdì con il seguente orario: dalle ore 8.30 alle ore 16.00. Il calendario adottato è conforme a quello regionale; potranno esservi lievi modifiche, dovute all’adattamento alla realtà locale, in conformità a quanto determinato dalla normativa vigente sulla scuola dell’infanzia o a quanto previsto dal P.T.O.F.

d)    La scuola prevede un servizio di entrata anticipata, a partire dalle ore 7.40 ed un servizio di prolungamento orario fino alle 17.00; chi intende usufruire di uno o entrambi questi servizi, è tenuto a comunicarlo in segreteria e a versare la relativa quota, all’inizio dell’anno scolastico.

L’entrata al mattino è consentita fino alle ore 9.00. L’uscita pomeridiana è prevista dalle ore 15.45 alle ore 16.00. E’   consentita, per chi lo desidera, un’uscita intermedia, dalle ore 12.45 alle 13.00, segnando il nome sull’apposita lavagnetta al mattino.

e)    La domanda di iscrizione deve essere presentata nelle giornate stabilite, nel mese di gennaio di ogni anno, versando la relativa quota. Tali giorni saranno adeguatamente comunicati e resi pubblici di anno in anno.

f)    All’atto dell’iscrizione la scuola consegna copia del Regolamento interno ed espone il Piano dell’Offerta Formativa, contenente il Progetto Educativo: i genitori, firmando il modulo di iscrizione, li accettano e si impegnano a collaborare con la scuola per la loro attuazione, per tutto il tempo che il bambino frequenterà la stessa.

g)    All’atto dell’iscrizione la scuola consegna un modulo relativo al consenso per la privacy, che dovrà essere sottoscritto dai genitori.

h)    All’atto dell’iscrizione, la scuola mette a disposizione copia dello “Statuto dell’Associazione per la gestione della Scuola dell’Infanzia e Nido Integrato Arcobaleno”. I genitori, firmando il modulo di iscrizione, aderiscono all’associazione diventandone soci e facendo proprio lo statuto stesso.

i)     Con l’iscrizione i genitori si   impegnano al versamento della retta mensile, comprensivo del servizio di refezione. Confermata l’iscrizione, non verrà rimborsata la quota in caso di ritiro.

j)     La frequenza alla scuola è subordinata al versamento della retta, che deve avvenire entro il giorno 5 di ogni mese (da settembre a giugno).

k)    E’ prevista una riduzione sulla retta mensile, in caso di assenza per malattia, per almeno 9 giorni scolastici consecutivi; tale riduzione ammonta ad € 2,50 al giorno (passare dalla segreteria per accordarsi).

l)     Non sono previste riduzioni della retta; richieste di agevolazioni e riduzioni, che fossero presentate per iscritto e con allegata documentazione, saranno valutate dal presidente e dal parroco.

m)   I bambini che restano assenti sei o più giorni consecutivi di calendario, a causa di malattia, per essere riammessi a scuola, devono presentare il certificato medico. Eventuali assenze prolungate per motivi familiari, dovranno essere comunicate per iscritto all’insegnante di sezione.

n)    In occasione di compleanni i genitori possono portare a scuola solo caramelle.

o)    All’entrata i bambini devono essere accompagnati e affidati personalmente al personale che fa l’accoglienza. I genitori devono comunicare alle insegnanti se il bambino verrà riaccompagnato a casa da persona diversa dai genitori stessi: tale persona dovrà essere compresa nell’elenco delle persone delegate per iscritto su apposito modulo consegnato all’inizio dell’anno scolastico. Si esclude la consegna ai minori, anche se familiari.

p)    Durante l’orario delle attività educative – didattiche e nel tempo di pre e post scuola, viene garantita un’attenta vigilanza dei bambini da parte del personale docente. Ogni insegnante è responsabile dei bambini e delle bambine ad essa affidati e si impegna a favorire la loro crescita globale, creando un ambiente educativamente organizzato. Dopo la consegna del bambino alla famiglia, viene meno la responsabilità della scuola verso gli stessi bambini per qualsiasi inconveniente.

q)    I bambini sono suddivisi in cinque sezioni, identificate dal colore di un palloncino, eterogenee per età e sesso. Ogni sezione è affidata a un’insegnante che ne cura le attività didattiche-educative, con particolare attenzione all’inserimento ed alla crescita armonica di ogni singolo bambino. In caso di presenza di bambini con disabilità certificata, l’insegnante di sezione è affiancata da un’insegnante di sostegno e/o da un operatore.

r)     All’interno della settimana scolastica la scuola attua attività di intersezione, cioè con gruppi di bambini di diverse sezioni, omogenei per età.

s)     I bambini non possono essere presenti durante le assemblee, le riunioni di sezione ed i colloqui, per ragioni di sicurezza (non c’è copertura assicurativa).

Art. 2 – NORME IGIENICO SANITARIE

Il servizio mensa della nostra scuola è gestito dalla cucina interna, con una cuoca ed una aiuto cuoca. Il menù adottato è quello approvato dall’ULSS e prevede un menù estivo ed uno invernale, articolati ciascuno su quattro settimane. Sono previste eccezioni al menù, in caso di diete particolari per intolleranze o allergie, che vanno certificate dal medico; vengono rispettate anche scelte di carattere religioso.

La scuola rispetta la normativa in vigore relativamente all’igiene (HACCP) ed è seguita da consulenti specializzati.

La pulizia degli ambienti è fatta da personale interno.

Il personale della scuola non può somministrare farmaci ai bambini, salvo in casi di estrema necessità ed urgenza, preventivamente documentati dal medico curante ed autorizzati per iscritto dal genitore, che è tenuto anche a sollevare da ogni responsabilità le insegnanti.

Pertanto, nel suddetto caso, il medico curante deve certificare, relativamente al farmaco: l’inderogabilità della somministrazione, il cognome e nome, i casi specifici in cui somministrarlo, nonché dosi e modalità.

Vanno segnalate, con consegna di relativo certificato medico, eventuali allergie ed intolleranze.

In caso di affezione da pidocchi, il genitore non deve portare il bambino a scuola prima di avere effettuato lo specifico trattamento e deve avvertire tempestivamente l’insegnante.

Art. 3 – RAPPORTI SCUOLA/FAMIGLIA E ORGANI COLLEGIALI

a)    Il ruolo dei genitori, principali educatori dei propri figli, è sempre determinante per la maturazione e l’apprendimento, e diventa positivo quando la famiglia realizza una collaborazione costruttiva con la scuola

b)    L’opera educativa raggiunge il suo fine quando la Comunità Educante, personale della scuola e genitori, opera unitamente in una prospettiva di crescita e di educazione permanente. Per attuare e dare significato alla partecipazione e alla collaborazione dei genitori nell’elaborazione delle attività e nell’organizzazione interna della scuola dell’infanzia, nel rispetto del progetto educativo della medesima e nell’ambito della legislazione vigente, in particolare in analogia  con quanto prescritto dalla  legge delega  477 e successivi decreti delegati, la scuola dell’infanzia si avvale dei seguenti organi collegiali: COMITATO DI GESTIONE, ASSEMBLEA DEI SOCI, COLLEGIO DOCENTI, ASSEMBLEA DI SEZIONE  e CONSIGLIO DI INTERSEZIONE. Per i primi tre organi collegiali, si rimanda allo Statuto della Scuola.

–       ASSEMBLEA DI SEZIONE: è formata da tutti i genitori dei bambini di ciascuna sezione e dall’insegnante/dalle insegnanti della sezione stessa; l’assemblea, informata sulla situazione e programmazione dai docenti, collabora per la miglior soluzione e attuazione delle questioni proposte; l’assemblea, nella prima riunione, elegge due rappresentanti, in carica per l’anno scolastico. Di ogni riunione viene redatto sintetico verbale.

–       CONSIGLIO DI INTERSEZIONE: il Consiglio di Intersezione è composto dai docenti in servizio nella scuola, dai rappresentanti di sezione e dalla Coordinatrice, che lo presiede e lo convoca per iscritto almeno otto giorni prima. Il C. di I. si riunisce, in orario non scolastico, con il compito di formulare al Collegio Docenti ed al Comitato di gestione proposte in ordine all’azione educativa e didattica e ad iniziative finalizzate all’ampliamento dell’offerta formativa. Inoltre ha lo scopo di coadiuvare il Collegio Docenti in merito alle attività della scuola. Si riunisce almeno tre volte l’anno e comunque quando vi è necessità. Di ogni riunione viene redatto sintetico verbale.

Art. 4 – RAPPORTI CON LA F.I.S.M. PROVINCIALE

Questa scuola aderisce alla Federazione Italiana Scuole Materne, mediante la federazione provinciale di Verona. Ferma restando la concezione pedagogica, educativa e formativa che la ispira, adotta le “Indicazioni Nazionali per i Piani Personalizzati delle Attività Educative nelle Scuole dell’Infanzia” (D.L. n° 59 del 19/02/2004).

Art. 5 – ASSICURAZIONI

La scuola ha contratto polizze per responsabilità civile verso terzi e verso i prestatori di lavoro e polizza infortuni subiti dai bambini. La denuncia per un sinistro subìto, va inoltrata tramite la scuola.

Art. 6 – ORGANICO DELLA SCUOLA

Il personale docente ed educativo è provvisto dei titoli di studio previsti dalla legge, così come il personale ausiliario e di cucina.

Il personale docente ed educativo frequenta ogni anno corsi di aggiornamento professionali; tutto il personale è formato in materia di sicurezza, secondo la normativa vigente e sono nominate le squadre per l’antincendio e il primo soccorso, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l’RSPP e il medico competente.

Art. 7 – VOLONTARIATO

La scuola si avvale di personale volontario, regolarmente iscritto all’Associazione di Volontariato “Mons. Carraro”, della F.I.S.M. di Verona.

Art. 8 – CORREDO (tutto il materiale deve avere il contrassegno o/e il nome e cognome del bambino)

1)     Due Asciugamani con fettuccia (da appendere)

2)    Una bavaglia con elastico

3)    Un cambio completo adeguato alla stagione, da tenere nell’armadietto, all’interno di un sacchetto con il nome.

4)    Un sacchetto di stoffa

5)    Cuscinetto e coperta (telo di spugna o cotone nei periodi meno freddi) per i bambini che riposano a scuola, cioè i piccoli

6)    Un paio di calze antiscivolo

7)    4 fototessere

8)    Un grembiule per la pittura

Si consiglia di vestire i bambini con indumenti comodi per la svestizione in caso di bisogno, privi possibilmente di bottoni, evitando bretelle e cinture.

Le calzature devono essere comode, possibilmente con chiusura a strappo.

Per tutto ciò che non è presente in questo Regolamento, fa testo lo Statuto dell’Associazione.

Il Nido Integrato ha un suo Regolamento, all’interno della relativa carta dei Servizi.

Il presente regolamento interno è stato approvato dal Comitato di Gestione in data 26/11/2015.

Revisione del 19/11/2018